• Viola Murmure

Alzi la mano chi non ha una lavatrice!

Aggiornato il: gen 26

di Lorena Bergamo




Non esiste! Non esiste proprio non avere la lavatrice, e se si rompe corriamo subito ai ripari, e se non si può riparare ne compriamo subito una nuova. Perché la lavatrice nella vita di una donna è vitale e potremmo trasformarci nelle più famigerate killer se ne stiamo senza anche solo per una settimana. Le lavatrici di una volta facevano una cosa e basta. Lavavano. Ora invece alcuni modelli sono dotati pure di asciugatrice. Un unico programma, al massimo due, uno per i lavaggi più intensivi e l’altro per i più delicati, di tutti quei tessuti che circa quarant’anni fa si chiamavano ‘terital’ ovvero quella roba sintetica che stava rigida e stesa come una spianatoia per farci la pasta fresca e che se la sfregavi un po’faceva scintille che parevano fuochi d’artificio in una notte d’estate. Mo’ le lavatrici se sei gentile con loro ti fanno pure il caffè. Almeno venti programmi con tutte le varianti del caso. Bianchi, bianchi molto sporchi e bianchi delicati che si chiama anche ‘programma bambini’ che non serve per far addormentare i bambini ma per lavare a basse temperature i vestitini dei pargoli. Poi ci sono i colorati, quelli di cotone e quelli sintetici. Il programma ‘lana’ e quello per gli indumenti sportivi. Il lavaggio intensivo, il super risciacquo, il mezzo carico e la partenza ritardata. Sono sensibili al peso dei capi che introduci nel cestello e si adattano alla perfezione dopo aver calcolato appunto il peso da supportare. C’hanno pure il filtro che si pulisce da solo e sono silenziosissime che le puoi far andare tranquillamente la notte, fanno solo un po’ più di rumore quando parte la centrifuga. Più il motore è efficiente più daranno le migliori prestazioni, ecco perché ogni tanto facciamo un bel lavaggio col ‘curalavatrice’ Cosa basilare per farle funzionare è mettere la giusta dose di detersivo (meglio con l’utilizzo della pallina per dosarlo) e soprattutto collegarle ad una presa d’acqua, poi basta pigiare il tasto ‘avvio’ è il gioco è fatto. Avere una lavatrice è un piacere ed è un gioco farla funzionare bene.

Una vita sessuale sana ed appagante è proprio come la migliore delle lavatrici, non con venti programmi ma con infinite sfaccettature di piacere, è più il nostro rapporto è giocoso più funziona alla perfezione. L’erotismo è un insieme di emozioni e di sensazioni e ha bisogno di un additivo particolare (come quello della lavatrice sì!) che si chiama fantasia. Un pavimento pelvico tonico poi fa parte dei fondamentali e per allenarlo al meglio ci possono essere d’aiuto le palline della geisha e gli esercizi di Kegel, magari con la supervisione di una brava ostetrica. Un pavimento pelvico sano ci farà vivere la sessualità con più piacere perché la risposta sessuale sarà sicuramente migliore, senza contare poi la pancia piatta e il non doverci sentire a disagio per la gocciolina di pipì che scappa all’improvviso. Poi c’è l’acqua. L’acqua sta alla lavatrice come un buon lubrificante sta alla nostra vagina. Un lubrificante all’acqua protegge le mucose levando quel fastidio dell’attrito che si crea in caso di secchezza e se la secchezza non c’è le nostre performance saranno sicuramente più piacevoli e... scivolose! In commercio ce ne sono tantissimi e non sono tutti uguali e noi consulenti di Viola Murmure cerchiamo sempre quello più adatto per soddisfare al meglio le richieste delle nostre donne. Quindi. Il motore è a posto, l’acqua ce l’abbiamo. Per la lavatrice serve un valido detersivo, per noi una buona dose di energia che si modellerà in base al nostro stato d’animo. Coccole e carezze daranno il via a momenti e movimenti lenti e rilassanti per il nostro per il nostro relax e la nostra sensibilità. La lavatrice ha il ‘sesto senso’ noi invece ne abbiamo ben cinque da usare appieno. Possiamo sentire il gusto con baci e mordicchiamenti golosi. Catturare un profumo e l’odore dei corpi con l’olfatto. Lasciarci scivolare in morbidi abbracci e scoprire la potenza del tatto e delle mani sulla pelle. Abbandonarci in parole d’amore o a quelle piccanti ascoltando nel silenzio. E con la vista tutto sarà più forte, perché la vista, si sa, alimenta la nostra fantasia erotica. Poi, nei giochi più originali, possiamo usare i nostri additivi personali. Oli afrodisiaci e piume per solleticare. Candele inebrianti per accendere ancor di più il desiderio. Per chi desidera invece una prestazione più energica e profonda di giocattoli ne troviamo di tutti i tipi, e anche qui di trabiccoli noi consulenti ne abbiamo da mostrarvi a iosa, che se peccate di poca fantasia non avrete che da scegliere quello che fa al caso vostro. C’abbiamo pure un sacco di aggeggi in caso di partenza ritardata. Insomma, il punto è dobbiamo trattare la nostra vita intima esattamente come una lavatrice, che se non c’è andiamo nei pazzi. Quindi. Se tutto è al posto giusto e al momento giusto, arrivare alla centrifuga è un attimo.

Poi si tratta solo più di asciugare!

Buon lavaggio! (e non ridete!)

0 visualizzazioni

© 2017 by CDC. s.r.l. (Viola Murmure) - Strada Valenza, 4/O - 15033 Casale Monferrato (AL) - P.IVA: 02529820066 - REA n. T 233537830 - 

Alessandria - Piemonte - Italia

  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
  • Black YouTube Icon
  • Instagram - Black Circle

Benessere sessuale, consulenti, sex toys, cosmetica erotica, salute sessuale, coppetta mestruale, palline geisha, assorbenti riutilizzab, Viola Murmure