Domenica d’agosto, che caldo fa …

di Sonia Veggian



Così cantava Bobby Solo descrivendo i patimenti da calura. Ma l’estate non porta solo afa e zanzare! Regala a tutti un pieno di energia sessuale, sia per una breve avventura che per la storia importante.

Perché il sesso d’estate è così “caliente”? Perché si espande la percezione del corpo, il nostro e quello altrui, che viene coccolato anche semplicemente spalmando una crema solare, esposto, mostrato in spiaggia o in città con generose scollature, camicie aperte e calzoni leggeri. La pelle abbronzata, la mente rilassata, i sensi all’erta per captare, con la vista in primis ma anche con l’olfatto, tutti i segnali inviati dai nostri corpi. Segnali che fanno sì che le nostre relazioni appaiano più passionali, emozionanti e perché no, romantiche. Si esce di più (soprattutto dopo questi mesi di lockdown), si ampliano le conoscenze e si trascorrono serate inconsuete; si sa, aumentano anche i tradimenti. I freni inibitori vanno, pure loro, in vacanza e si è più propensi alla trasgressione.


Nella stagione calda anche la produzione degli ormoni aumenta regalando un benessere psicologico oltre che fisico. La maggior produzione di vitamina D a livello cutaneo innalza i livelli di testosterone, l’ormone che concorre ad aumentare il desiderio sessuale, e l’esposizione al sole accresce la serotonina, un antidepressivo naturale. Quindi un umore positivo che predispone ai contatti e una maggior sensibilità ci rendono più inclini alla seduzione. Inoltre la vacanza dalle consuete regole e responsabilità può indurre in “tentazioni” della carne che vengono colte al volo e “consumate” anche nelle “location” più impensate.

Qualche esempio? Una spiaggia (si spera deserta) per l’intramontabile bagno di mezzanotte, oppure in montagna dove le notti stellate e una leggera frescura invitano a più calorosi contatti; o ancora, cullati dal rollio di una barca, o l’emozione di appartarsi in una tenda, dove solo un sottile strato di tessuto ci separa da sguardi indiscreti e forse, proprio per quello, stuzzicanti.

Vi consiglio di portare in valigia un giochino vibrante, magari a forma di gelato o di pinguino, compagni di vacanza divertenti e discreti. Per gli amanti tecnologici un gioco con il telecomando, da azionare nei momenti e luoghi più impensati… si, anche in acqua ! Per un effetto sorpresa super eccitante.

Ma anche i vacanzieri metropolitani possono godere di siti inconsueti dove esprimere la passione. Un po’ di fantasia, una gonna ampia e un balcone al quale affacciarsi e il panorama diventa più allettante! Si può “dimenticare” qualche capo di lingerie o utilizzare quella provocante e sexy, con strategiche aperture, agevolando momenti intimi in qualche angolo nascosto della città.