Gentiluomo, non ufficiale.....

Autore: Lucrezia


Finalmente in vacanza: ombrellone, pareo ed un libro per sognare… quello di quest’estate è “Tutte le volte che vuoi” di Armando Prieto Pèrez ed è considerato il primo romanzo erotico al maschile. Mi avrebbe dovuto accompagnare per qualche giorno, ma l’ho divorato in un attimo!

Intrigante e ben scritto, racconta in prima persona delle esperienze di un seduttore, che finisce con l’innamorarsi e siccome la curiosità è femmina, e soprattutto Viola, ho deciso di cercare un vero playboy per avere le risposte a tutte le domande sul mondo maschile che questo libro mi ha fatto nascere… Così comincia la caccia all’uomo! I potenti mezzi di Viola mi fanno incontrare Matteo. L’appuntamento è in una località termale in Oltrepo. Lo riconosco al volo, anche se non l’ho mai visto: raffinato, affascinante, alto. Si alza dal tavolino per salutarmi e farmi accomodare….mi sembra di essere Vivian di Pretty Woman, ma devo stare coi piedi per terra, così, tra un sorriso e una sigaretta, sciogliamo la tensione e con i suoi modi gentili mi spiega che non pratica più da anni, ma è ben felice di poter fare quattro chiacchiere insieme.

Ciao Matteo, grazie per aver deciso di dedicarci un po’ di tempo.... Ciao, è un piacere per me.

Per cominciare, parlaci di te.

Ho 56 anni, sono nato e vivo a Milano, ho una laurea e lavoro per una importante azienda del settore meccanico.

Come hai cominciato e per quanto tempo hai fatto questo mestiere?

A seguito di investimenti sbagliati mi sono ritrovato a dover pagare parecchie spese che con il mio lavoro ufficiale non riuscivo a coprire. Mi sono inventato un personaggio, ho rischiato… L’ho fatto per circa tre anni. Quando sono riuscito a saldare tutti i debiti ho smesso anche perché, per quanto fosse decisamente divertente, ho cominciato a frequentare una delle mie clienti ed ho deciso di interrompere per rispetto nei suoi confronti.

Quindi è vero che ci si può innamorare di una cliente…

Si…al cuore non si comanda. Mai.

Che doti bisogna avere per proporsi come accompagnatore? La cosa fondamentale è avere massima tutela della privacy, Troppa pubblicità non giova a nessuno. Oltre alla riservatezza, anche la prestanza fisica è una qualità non trascurabile, dopotutto questo è il nostro biglietto da visita. Fortunatamente ho una buona struttura, ma seguo un’alimentazione corretta e mi alleno regolarmente.

Parli di privacy, questa attività era segreta, un po’ come una seconda vita? Si, ho mantenuto il segreto ed è stata la scelta vincente visto che ho “m